Appello del WFP: un pacchetto di aiuti a favore di chi ha fame

Publisert 16 December 2008

Roma, 16-12-08 (comunicato stampa) - Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM/WFP) ha fatto appello oggi ai paesi del mondo affinché si destini alla lotta contro la fame una frazione di quanto viene proposto nei pacchetti di salvataggio finanziario messi a punto per fronteggiare la crisi economica globale.

Dobbiamo mandare un forte segnale di speranza al mondo con un pacchetto di salvataggio umanoJosette Sheeran, Direttore Esecutivo del WFP
“Dobbiamo mandare un forte segnale di speranza al mondo con un pacchetto di salvataggio umano,” ha detto Josette Sheeran, Direttore Esecutivo del WFP, da New Delhi, durante la sua prima visita in India, paese con il più alto numero di malnutriti nel mondo. “Ci preoccupiamo di Wall Street e Main Street, ma non dovremmo dimenticare quei posti dove le strade non hanno neanche un nome,” ha detto Sheeran, facendo riferimento alla sfida lanciata dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon ai leader politici.

5,2 miliardi di dollari

Il WFP prevede di sfamare quasi 100 milioni di persone tra i più affamati nel mondo, nel 2009. L’agenzia ha annunciato oggi che, con il nuovo anno, ci sarà bisogno di 5,2 miliardi di dollari per far fronte alle necessità urgenti provocate dalla fame. Senza una rapida iniezione di fondi, milioni di persone ad Haiti, Congo (RDC), Etiopia, Kenia e in altri ‘luoghi caldi’ si troveranno senza assistenza alimentare entro la fine di marzo, quando gli stock nei depositi si saranno esauriti. Il WFP è finanziato su base volontaria e dipende dai contributi annuali per tutti i suoi programmi.

Sheeran ha detto che con solo l’1 per cento di ciò che è stato messo a disposizione per le misure di salvataggio finanziario e per quanto destinato a stimolare il sistema negli Stati Uniti e in Europa, i paesi sviluppati potrebbero finanziare interamente il lavoro del Programma Alimentare Mondiale, segnando un punto importante nella risposta ai più urgenti bisogni di chi ha fame. Ad esempio, si potrebbero sfamare i 59 milioni di bambini che vanno a scuola affamati nel mondo (3 miliardi di dollari per un anno) e si potrebbe creare un fondo di riserva per la rapida acquisizione di stock alimentari nelle emergenze. Sono anche necessari fondi per sostenere la produzione agricola dei piccoli contadini che hanno visto più che raddoppiarsi, dal 2006, il prezzo di sementi e fertilizzanti.

Il mondo è pronto a destinare trilioni ai salvataggi finanziari. Ma cosa destineranno al soccorso umano?Josette Sheeran
“I leader mondiali devono essere messi di fronte ai valori impliciti delle proprie scelte politiche,” ha detto Sheeran. “Il mondo è pronto a destinare trilioni ai salvataggi finanziari. Ma cosa destineranno al soccorso umano?”

Aumento dei prezzi alimentari

L’urgente appello del WFP giunge subito dopo lo storico aumento dei prezzi alimentari seguito da una persistente volatilità dei mercati. La crisi finanziaria mondiale che ha colpito il mondo sviluppato, sta toccando i paesi in via di sviluppo: vengono colpiti i redditi, i commerci, il flusso di capitali mentre si riducono le rimesse. Questo mese il governo kirghizo ha chiesto al WFP di aiutarlo a sfamare 600.000 persone che si trovano in una condizione disperata a seguito di un brusco calo nelle rimesse dall’estero che contano per il 20 per cento del PIL del paese.

Quasi un miliardo di affamati nel mondo

La FAO ha annunciato la scorsa settimana che ulteriori 40 milioni di persone, quest’anno, hanno sofferto la fame a causa degli alti prezzi alimentari, portando con ciò il numero totale di affamati a quasi 1 miliardo nel mondo. Tale incremento giunge dopo quattro decenni di progressi nel corso dei quali la comunità internazionale nel suo complesso ha aiutato a ridurre la percentuale di chi soffre da 37 a 17.

Non ci possiamo permettere di perdere la prossima generazioneJosette Sheeran
Sheeran ha fatto notare che la fame può causare proteste popolari come si è visto ad Haiti, dove la gente è stata uccisa e un primo ministro è stato costretto alle dimissioni in seguito all’aumento dei prezzi alimentari all’inizio di quest’anno. Ci sono stati scontri in dozzine di altri paesi nel mondo. “Siamo a un punto cruciale, potremmo assistere a un aumento della fame che rischia di essere totalmente incontrollato mentre si prevede che la popolazione mondiale aumenti sino a quasi 9 miliardi di individui a metà del secolo”, ha detto Sheeran aggiungendo che gli effetti della fame nei primi anni di vita impediscono il pieno sviluppo intellettuale e fisico.

“Non ci possiamo permettere di perdere la prossima generazione”, ha detto.